Un “ostello” a cielo aperto

Succede a Faenza, ti capita di rientrare a casa tardi e cosa scopri? Un nuovissimo “ostello” a cielo aperto non lontano dal centro: nel parcheggio dalla mensa, difronte allo stabilimento “ex omsa”. Sei talmente incredula che, per capire bene cosa stia succedendo, rischi pure di infilarti nella rotonda. Non ci credi e ti ritrovi come un forestiero, a rifare la rotonda per assicurarti che non sia una visione dettata dalla stanchezza e invece confermi l’assurda realtà.
In mezzo a 4 furgoni trasformati in camper, distesi completamente a terra sotto delle coperte ti ritrovi 4 zingari che dormono tranquillamente sotto le stelle.
Inizi a pensare ma non trovi giustificazioni: non ce ne sono. Per loro è tutto normale e tutto è dovuto.
Quello che piu ti fa arrabbiare, anche se oramai dovresti averci fatto il callo, è l’amministrazione comunale che continua a mentire spudoratamente e continua ad imporci il suo becero, spudorato e falso perbenismo verso i rom e non solo….
Per loro va tutto bene, Faenza è sicura, tranquilla e pulita. Perchè non hanno la faccia di dire onestamente che il problema c’è ed è anche grande? FOrse per qualche ritorno economico o per palesi favoritismi per e da losche società lucrative camuffate da cooperative sociali con obiettivi ben precisi verso il prossimo, quel prossimo che deve essere extracomunitario, rom etc…ovviamente della peggior razza? Quante migliaia di vecchie lire prima e di euro dopo, son stati spesi dalle varie amministrazioni comunali per l’integrazione di questi soggetti che non hanno alcuna voglia di integrarsi con i nostri usi e costumi ( e c’era chi, della vecchia amministrazione comunale, sosteneva che dagli zingari noi faentini dovevamo solo che imparare!) Il movimento forzanovista chiede una celere e veritiera risposta da parte del sig. Sindaco e azioni concrete per l’allontanamento di questi soggetti dalla nostra città!
D. Raggi
resp. provinciale
Movimento Forza Nuova

Risposta alle solite illazioni a mezzo stampa.

Dopo aver letto l’articolo pubblicato ieri sulla pagina locale del Resto del Carlino, La sezione Locale di Forza Nuova comunica quanto segue:
In merito al fatto criminoso accorso al Presidente della Provincia dott. Casadio, ci troviamo di fronte all’ennesimo tentativo di mistificazione della verità e il famoso detto: “ se attaccano la sinistra, è stata la destra, se attaccano la destra, se la sono fatta da soli” per l’ennesima volta è stato messo in atto.
Leggiamo la frase:
“…. intanto dalle frange della galassia anarchica c’è chi respinge l’ipotesi che l’attentato possa essere opera di adepti a quell’area e indica invece il fronte opposto, quello più violento e incontrollato dell’estrema destra”.
Violento ed incontrollato? Cosa vorrebbero dire? Che noi siamo violenti o incontrollati? non ci risulta che la sezione faentina abbia nessun tipo di denuncia o procedimento penale in atto per danneggiamenti a cose o persone.
Vorremmo rinfrescare la memoria e consigliamo di andare a cercare negli archivi di tutti i quotidiani della zona, si potrebbe rimanere stupiti nel riscontrare un lungo e dettagliato elenco degli attentati da noi subiti in 16 anni di attività.
Il più grave e pericoloso fu l’incendio alla sede del movimento con fiamme alte fino al terzo piano; l’incendio del distributore di sigarette al bar del vice segretario del movimento; un altro attentato incendiario minore sempre alla sede, innumerevoli danneggiamenti e imbrattamenti con scritte offensive (vedi l’ultimo episodio) non solo contro di noi ma anche contro le forze dell’ordine. Innumerevoli danneggiamenti alle auto (tutto relazionato da regolari denunce da noi esposte) il tutto correlato da rivendicazioni anti fasciste (quindi non dall’estrema destra incontrollata e violenta).
Danneggiamenti ai due locali pubblici del segretario e vice segretario del movimento con sterco umano, colla nelle serrature, persino cemento a presa rapida nei contatori del Museo Malmerendi dove noi stavamo svolgendo una regolare e pacifica conferenza, e non vogliamo dilungarci ulteriormente.
Ora, per cortesia, elencate Voi gli atti violenti ed incontrollati dell’estrema destra faentina.
Di fronte alla realtà dove Stampa, Magistratura, leggi, Sindaci, Assessori, sindacati, centri sociali e chi più ne ha ne metta, legati alla sinistra che da anni lavora per gettare fango contro l’estrema destra, amante della Patria, della Famiglia, delle radici, delle tradizioni della legalità, dell’Italia, non riesca ad indottrinare tutta la gente, l’estrema destra cresce ed è continuamente ammirata da moltissime persone mentre l’estrema sinistra, denominata pacifista, continua ad essere collusa agli anarchici, no global, devastatori e violenti.
Convincetevi che l’estrema destra NON E’ VIOLENTA ED INCONTROLLATA.
Mirco Santarelli
Vincenzo Fanelli
Raffaello Mariani
Desideria Raggi

Ferma condanna agli atti di terrorismo

La sezione provinciale ravennate del movimento di Forza Nuova, appresa la notizia dell’attentato all’abitazione del Presidente della Provincia, dott. Claudio Casadio, condanna il vile gesto da parte di ignoti.
La nostra sezione, vittima di innumerevoli ed infami attentati da parte di estreme derive della becera sinistra, conosce bene lo stato d’animo di chi subisce simili danneggiamenti.
Ribadendo che anche la più forte avversità politica deve avere sfogo solo ed esclusivamente a livello verbale e mai a livello fisico, condanniamo qualsiasi atto o gesto di violenza.
Mirco Santarelli
Desideria Raggi
Raffaello Mariani

NO ALLO IUS SOLI !

In queste notti le varie sezioni forzanoviste, da nord a sud, hanno messo in atto un vero e proprio blitz anti immigrazione e anti ius soli davanti alle sedi del Partito Democratico dove sono stati lasciati un piccone e decine di volantini.
Questa iniziativa segue di qualche giorno l’inizio della campagna web del Movimento dal titolo “ L’immigrazione uccide, la classe politica è complice ”.
I recenti fatti di cronaca, i continui stupri e uccisioni di cittadini italiani per mano di extracomunitari clandestini, il totale silenzio delle istituzioni sempre più vigliacche e sempre più complici e l’evidente razzismo nei confronti dei nostri compatrioti, sono solo alcuni dei motivi che hanno spinto i militanti forzanovisti a compiere l’azione in oggetto.
Forza Nuova chiede le immediate dimissioni del ministro Kienge tanto loquace nell’enunciare il suo programma “ disgruggi Italia” con l’introduzione dello ius soli, quanto taciturna dal non dire neanche un parola di pietà per i morti ammazzati ne una condanna per gli autori di questi delitti.
Forza Nuova ribadisce la sua radicale contrarietà a qualsiasi tipo di società multietnica dove lo straniero ha solo doveri e non diritti e dove il cittadino italiano è considerato solo uno strumento da spremere con tasse usuraie.
Il blitz non è un punto di arrivo ma rappresenta l’inizio di una campagna di forte sensibilizzazione per l’opinione pubblica. Dopo che per anni, la classe politica ha raccontato agli italiani che gli immigrati erano necessari per l’economia, che erano necessari perché gli italiani non volevano fare più determinati lavori, che erano necessari perché rappresentavano il progresso, Forza Nuova grida ad alta voce senza paura che l’ immigrazione non è una ricchezza, che l’ immigrazione genera povertà tra gli italiani, che l’immigrazione uccide.
Per Forza Nuova
D. Raggi
resp. provinciale Ravenna<a

ius soli 3

IUS SOLI 4

href=”https://forzanuovafaenza.wordpress.com/?attachment_id=2096&#8243; rel=”attachment wp-att-2096″>ius soli 1

ius soli 2

Mollusco contagiono negli asili faentini

mollusco contagioso

Siamo venuti a conoscenza che in alcune scuole materne faentina si sono verificati episodi di “mollusco contagioso”: è una infezione virale che causa lesioni papulose tipo vescichette.
Tale malattia si manifesta su qualsiasi parte del corpo e in genere il contagio si può contrarre toccando una parte di una persona che ne è colpita o, per esempio, attraverso asciugamani, accappatoi, equipaggiamenti ginnici condivisi tra più persone.
Il mollusco contagioso è una patologia tipica dell’età pediatrica, in quanto il bambino avendo delle difese immunitarie ancora in “formazione” è maggiormente suscettibile ad infezioni come il mollusco contagioso.
Nella stragrande maggioranza dei casi, le vesciche vengono bruciate.
Tecnica risolutiva ma invasiva per i bambini.
Ci risulta, inoltre, che non è stata data la notizia ai genitori, i quali si sono trovati a conoscenza di questa malattia solo quando i propri figli sono stati contagiati.
Parlando con gli stessi, abbiamo saputo che l’ASL ha ricevuto un esposto con la richiesta di intervento, ma lo stesso è stato rifiutato per privacy dall’ufficio competente.
Ora chiediamo l’immediato intervento di profilassi presso tutte le scuole materne del comprensorio faentino onde evitare il dilagare dell’epidemia.
D. Raggi
M. Santarelli
Forza Nuova Faenza

Solidarietà all’agente di Polizia Municipale faentino

La sezione faentina “Ettore Muti” vuole esprimere la piena solidarietà all’agente di Polizia Municipale vittima dell’aggressione di ieri, 25 aprile u.s. , avvenuta in c.so Garibaldi.
Preoccupati per l’ennesimo episodio di inaudita gravità che dimostra il disprezzo per la legge e per i tutori dell’ordine da parte della feccia extracomunitaria.
Quanto accaduto all’Agente è l’ufficiale dimostrazione che oggi ci troviamo in una situazione di reale emergenza, minimizzata da parte dell’amministrazione comunale e dalle complici testate giornalistiche locali, tranne una.
E’ una vergogna che si dia risalto solo ed esclusivamente ad episodi marginali dettati da faziosi gruppi politici o da rarissimi reati commessi da italiani, mentre non si parla mai dei quotidiani episodi di violenza, incidenti, ricatti danneggiamenti furti nelle case ed ora anche violenza contro coloro che tutelano la cittadinanza.
Quanto dovremo aspettare affinchè i paladini della tutela degli extracomunitari riconoscano che la maggior parte di loro non vogliono integrarsi con noi e che stanno creando veri e propri ghetti dediti allo spaccio, alla criminalità organizzata etc.? Quanto tempo dovremo aspettare affinchè si riconosca che chi vive da nababbo girando tutto il giorno con auto di lusso e che è senza reddito può solo essere dedito alla malavita?
Oggi a farne le spese è stato un pubblico ufficiale, domani a chi toccherà ?
Forza Nuova Faenza

LA RICETTA DELLA NONNA

Dall’estremo oriente notizie interessanti; il Giappone sta varando un piano che, in Europa, sarebbe semplicemente impraticabile.
Per sgravarsi dal debito pubblico il governo nipponico ha dato delega alla propria Banca Centrale di immettere danaro nel circuito economico, ossia di stamparlo ricomprando i titoli di stato detenuti dalle banche commerciali che, una volta ricapitalizzate­, potranno sostenere imprese ed economia.
Il pericolo inflattivo, determinato dal raddoppio del contante in circolazione, appare minimo, considerando l’attuale deflazione del mercato giapponese mentre il prevedibile deprezzamento dello yen favorirebbe le esportazioni e, conseguentement­e, un aumento del gettito fiscale che permetterebbe allo stato di far fronte al debito pubblico che la banca centrale ha acquistato dalle banche commerciali.
Tutto questo però presuppone una precondizione che in Italia non esiste, essendo venuta meno dagli anni novanta quando si consumò il “divorzio” tra la banca d’Italia ed il Tesoro, culminato colla cessazione dell’obbligo del primo di comprare i titoli emessi dal secondo; questa precondizione si è via via sfumata sino a scomparire del tutto ed a trasformare quello come un vero e proprio “contropotere” autonomo, non essendo infatti costituzionaliz­zato (sfogliate le pagine della carta costituzionale e non ne troverete traccia) e quindi essendo insuscettibile di controlli e regole cui ogni organo istituzionale è soggetto.
E’ d’altra parte evidente a tutti come la titolarità dell’emissione monetaria – oggi in mano alla Banca Centrale Europea e, pro quota, alla Banca d’Italia – costituisca una prerogativa non meno importante rispetto ai voti emessi dal parlamento o alle sentenze pronunciate dagli organi giurisdizionali­.
La ricetta giapponese è come la ricetta della nonna: semplice e nutriente, con la giusta dose di proteine e carboidrati, ma noi non possiamo imitarla perché abbiamo buttato via gli ingredienti, e ci sorbiamo un pastone indigeribile coltivato cogli ogm dell’economia, ossia la perpetuazione del debito e la spirale recessiva.
Cari italiani, magari neo pentastellati traditi, state forse cercando un movimento politico italiano che vuole la nazionalizzazione della banca d’Italia e la riconquista della sovranita’ monetaria attraverso il rifiuto del pagamento del debito contratto con la droga finanziaria? State forse cercando un partito che proponga una moneta locale alternativa e complementare all’Euro, non gravata da usura e che possa essere spesa all’interno del circuito comunale? Ne esiste soltanto uno: il suo nome e’ Forza Nuova.