Il campo nomadi di Lugo e le discriminazione nascoste dalla demagogia.

Comunicato congiunto Forza Nuova – Movimento Nazionale Cristiano-Liberale – Movimento Italia Garantista


E’ ormai ben noto che in Italia sia uso e consuetudine, di una certa politica, fregarsene dei cittadini italiani bisognosi preferendo aiutare chi Italiano non è. Tale solidarietà, figlia di una discriminazione evidente ma sottaciuta, viene esercitata nonostante la crisi stia mettendo inesorabilmente e quotidianamente sempre più famiglie Italiane sul lastrico, ma questo sembra poco importare al nostro Governo e, nelle loro possibilità e competenze, ai Comuni, alle Provincie e tanto meno alle Regioni.

In questo contesto generale, a nostro avviso autocastrante, non condividiamo la scelta del Comune di Lugo che ha disposto la messa a norma dell’impianto elettrico, il rifacimento della pavimentazione ove sostano le roulotte e dei servizi igienici del locale campo nomadi. Questa riqualificazione necessiterà di un contributo della regione consistente nella modica somma di 50mila euro, denaro che è nelle disponibilità regionali in quanto è stato creato un fondo di un milioncino di euro circa da mettere a disposizione ai vari comuni dell’Emilia Romagna per far fronte a tali esigenze. Riteniamo paradossale che esista un fondo regionale di un milione di euro utilizzato anche per la manutenzione di campi nomadi quando nella stessa regione sono presenti famiglie Emiliane che sono ancora costrette a vivere nelle tende a causa del terremoto.
Ovviamente sappiamo che i fondi destinati ad uno scopo specifico non possono essere usati per altri motivi ma siamo fermamente convinti che nessuno vieti di non sprecarli.

Le dichiarazioni del Consigliere Lughese del PDL Costa, riguardanti la riqualificazione del campo nomadi di Lugo, sinceramente ci fanno sorridere ma sicuramente non provocheranno altrettanta ilarità in tutti quegli Italiani che fanno fatica ad arrivare a fine mese o che sono costretti a fare i mendicanti contro la loro volontà.
Costa afferma che “i rom sono persone anche se hanno deciso di vivere diversamente”. Non mettiamo in dubbio che i rom siano persone ed al consigliere Berlusconiano desideriamo ricordare che se una persona decide di vivere diversamente dovrebbe farlo di tasca propria senza gravare economicamente sulle spalle di chi quella scelta non l’ha fatta. In riferimento al sugerimento di Costa, di un piano triennale per dare la certezza ai giovani del campo di non venir discriminati nella scuola e nel lavoro, saremmo curiosi di sapere come e quando queste persone siano state discriminate nella città di Lugo.
Prendiamo atto che la demagogia è sempre lo strumento più utilizzato dalla politica.

Responsabile Provinciale Ravenna
Forza Nuova
Desideria Raggi

Coordinatore Regionale Emilia Romagna
Movimento Nazionale Cristiano-Liberale
Franco Lanzoni

Presidente Dipartimento Sicurezza
Movimento Italia Garantista
Domenico Marigliano

Annunci

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...