MA LE LICENZE CHI LE PAGA?

A Faenza nei giorni di festa prolificano i mercati a cielo aperto, in corso Baccarini, vicino al monumento dei caduti, c’è il supermercato delle sigarette di contrabbando da parte dei polacchi e russi vari. Di fronte alla stazione dei treni, i romeni vendono frutta e verdura e generi alimentari vari, muniti di pese e bilance professionali. Di fronte e all’intero del parco Bucci, troviamo distese di borse, cappellini, occhiali e suppellettili vari. A noi ci sembrava che esistesse un legge severissima che regola il mercato e la vendita al dettaglio, tanto è vero che di fronte ai negozi dei faentini, transita continuamente la guardia di finanza in cerca di sventurati clienti senza scontrino. Chiediamo quale “benedizione” particolare bisogna avere, per entrare anche noi nella fascia dei “liberi commercianti protetti dallo Stato”.

Annunci

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...