PERCHE’ C’E’ CHI PUO’ UCCIDERE DONNE E BAMBINI E NESSUNO LO ACCUSA DI GENOCIDIO?

Per il settimo giorno consecutivo l’aviazione di Tsahal ha compiuto raids mortali nella Striscia di Gaza: nel momento in cui scriviamo si contano 437 morti e oltre duemila feriti.
L’operazione militare è iniziata nel giorno ‘sacro’ di Sahabbat Hanukkàh, festività che, introdotta dal rabbinato per onorare l’identità ebraica e estirpare i nemici di Israele, ha oggi come obiettivo a breve termine quello di decapitare i vertici di Hamas e traumatizzare la popolazione civile palestinese. Hamas aveva infatti conquistato il consenso della totalità della popolazione di Gaza in elezioni regolarmente tenutesi nel 2006 e perse da Abu Mazen, considerato fin troppo compromesso col regime sionista, di cui ha persino appoggiato la presente aggressione nei confronti di Gaza.
Il governo israeliano, “frontiera della democrazia occidentale in medio oriente”, aveva come tutta risposta cinto d’assedio la Striscia bloccandone i varchi con l’esterno che le garantivano gli essenziali approvvigionamenti, condannandola a divenire un lager a cielo aperto in cui si trascina una popolazione stremata e affamata.
Ignorando le convenzioni internazionali che proibiscono le punizioni collettive, Gaza veniva trasformata in un vero e proprio lager: oggi su questo lager a cielo aperto si scarica una potenza di fuoco superiore a quella che nel ‘67 Israele riversò sugli eserciti di Egitto e Siria, in una zona della terra però con la più alta densità di popolazione del mondo.
I giornalisti occidentali, che non possono entrare in Gaza, tacciono dell’uranio impoverito sui missili sparati dagli F16 israeliani, mentre enfatizzano oltre ogni misura il lancio di razzi katiuscia a kassam da parte palestinese, il cui impatto è pressoché irrilevante. L’uranio impoverito, invece, la cui polvere è più sottile del fumo di sigaretta, una volta inalato si deposita all’interno dell’organismo umano, continuando a irradiare per decenni – e dunque a procurare tumori e mostruose deformazioni ai feti, come stà già avvenendo in Iraq.
Mentre è stata negata ogni tregua “umanitaria” e proseguono incessanti i bombardamenti, viene infine paventato l’ intervento via terra da parte di Tsahal, fortemente auspicato dalla quasi totalità della popolazione di Israele, determinata a sbarazzarsi a qualsiasi costo di Hamas.
A giustificazione dell’aggressione a Gaza, spesso i media occidentali riportano notizie confuse o palesemente false, come per esempio quella secondo cui Hamas avrebbe interrotto il cessate il fuoco con Israele e ripreso unilateralmente il lancio dei razzi sulle cittadine israeliane di confine. Ciò è falso perché Hamas non ha rotto il cessate il fuoco – voleva anzi rinegoziarlo- che di fatto semplicemente è scaduto senza che il governo israeliano abbia mantenuto i suoi patti di liberare Gaza dalla morsa in cui l’esercito la stringe, condannandola all’ embargo e alla fame, da 13 mesi.
Hamas, democraticamente eletta dal popolo, non riesce a opporre, al momento, sufficiente resistenza all’invasione sionista, non dispone di artiglieria contraerea e non riesce ad infliggere al nemico perdite consistenti: se l’esercito dovesse attaccare, troverà certamente la fiera resistenza di un popolo forte e dignitoso la cui capacità militare non può però essere lontanamente paragonabile a quella espressa, ad esempio, da Hezbollah in Libano.
L’attacco a Gaza non può pertanto essere giustificato col ricorso al famigerato lancio di kassam da parte palestinese: anche perché la carta delle Nazioni Unite riconosce ad un popolo sotto occupazione il diritto di usare tutti i mezzi, comprese le armi, per liberarsi dall’occupante – un tale principio qui da noi fu difeso, da ultimo, da Bettino Craxi, unico rappresentante del popolo italiano dopo la seconda guerra mondiale ad avere mai disegnato, in politica estera, linee strategiche autonome, fondate sul concetto politico di sovranità nazionale.
Come rivela Haaretz, Il piano di attacco a Gaza era stato progettato sei mesi prima dai vertici militari ebraici, mentre l’atmosfera tra le parti era distesa e Hamas proponeva il cessate il fuoco.
Al quadro desolante vi è da aggiungere, oltre alla complicità dell’Occidente, l’indifferenza mostrata dai governi dei paesi arabi nei confronti dei destini del popolo palestinese, davvero abbandonato da tutti di fronte alla ferocia di uno dei più potenti eserciti del mondo.
Giordania, Arabia Saudita ed Egitto sono regimi che non tollerano Hamas in quanto quest’ultima è vicina ad Hezbollah e alla Siria e, indirettamente, all’ Iran.
Mubarak, presidente egiziano, non intende fare giungere alla popolazione civile di Gaza i rifornimenti di viveri da cui questa dipende, mentre pure i medicinali scarseggiano: per fare giungere aiuti umanitari egli vorrebbe che a Gaza non vi fosse Hamas ma il filo sionista e malleabile Abu Mazen. Del resto la sua posizione è quella condivisa da Usa, Israele, Europa e regimi arabi “moderati”.
L’obiettivo a medio-lungo termine è allora quello di sottrarre l’intera regione all’influenza dell’Islam sciita e rivoluzionario di Hezbollah in Libano, e dunque di Teheran, il cui governo è considerato il principale finanziatore e il dispensatore di risorse ideologiche di Hezbollah e di Hamas.
In tal senso non è da escludersi un epilogo ben più drammatico e davvero preoccupante del conflitto in corso, con un rapido estendersi dell’incendio bellico a paesi confinanti o ritenuti nemici: approfittando del vuoto di potere negli Stati Uniti, e forte del consenso interno, Israele potrebbe tentare finalmente l’attacco all’Iran o trascinare Hezbollah e il Libano in una nuova, disastrosa guerra.
Dopo la pesante sconfitta inferta due anni fa all’esercito israeliano, le milizie sciite avevano fortemente compromesso l’immagine di invincibilità di Tsahal nel mondo intero.
Oggi quattro rabbini hanno emanato un responso talmudico – equivalente della fatwa per il mondo islamico- per condonare l’eccidio di civili: “Quando una popolazione abitante vicino a città ebraiche manda bombe con l’intento di uccidere vite ebraiche, è permesso, dalla legge ebraica, lanciare bombe di reazione anche contro i siti abitati dai civili.”

Annunci

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...